Silent Love, il cortometraggio che racconta l'amore che non ha bisogno di parole

Giorno dopo giorno sullo stesso treno agli stessi orari, ecco il cortometraggio Silent Love...


L’amore è imprevedibile e non ha regole, ogni giorno dietro ogni angolo potremmo incontrare la persona giusta, succede all’improvviso quasi per magia, oppure succede giorno dopo giorno e lo capiamo solo dopo un po’. Il cortometraggio Silent Love racconta proprio l’amore che nasce piano, quasi per caso e che necessita di tempo, pazienza e anche di una prova di coraggio. “L’amore è un treno che corre su binari infiniti e ti investe senza avvisarti del suo arrivo" c’è scritto nella descrizione del video, ed è proprio vero.

Se vi piacciono le storie romantiche, Silent Love conquisterà il vostro cuore, si tratta di un mini film che dura meno di 4 minuti e che è stato realizzato da Giacomo Zanni regista, soggettista e co-sceneggiatore insieme a Davide Cogni e Gianpaolo Rizziato per Codcast Channel. I protagonisti sono Francesca Germini e Tomas Leardini che, giorno dopo giorno, mese dopo mese, si incontrano tutti i giorni su un treno Trenord.

silent

I due ragazzi sono sempre seduti l’uno di fronte all’altro, giorno dopo giorno si guardano con la coda dell’occhio, si aspettano e sbirciano dal finestrino per vedere se uno dei due appare all’orizzonte. Un sentimento nato con sguardi e piccoli dettagli, lei con le sue borse giganti e lui con il taccuino che scarabocchia quasi per tutto il tragitto. Un giorno il posto del ragazzo è occupato e lui si siete accanto a lei, raccoglie le forza e trova il coraggio di chiederle di uscire, ma anche di dirgli che lui è sordo.

Un cortometraggio bellissimo e romantico, fatto per passione e per coltivare l’entusiasmo dato che dietro non c’è nessun committente. Daniele Belloli, creativo di Codcast Italia, ha dichiarato a Vanity Fair:

“In quello che abbiamo prodotto non c'è nulla di razionale non c'è alcuna una motivazione commerciale e neppure una complessa strategia di marketing. C'è solo il desiderio di fare qualcosa che ci dia soddisfazione. Perché, a mio giudizio, non è tanto la difficoltà della quotidianità che ci rende infelici, o l'incertezza del futuro, ma l'assenza di soddisfazioni. Non riusciamo a fare bene, quel che dobbiamo e, men che meno, quello che vogliamo, perché siamo continuamente costretti a scendere a compromessi. Con Silent Love abbiamo voluto dare una scossa. Ed è nata questa deliziosa metafora del ben fatto, capace di strappare una lacrima ai più arcigni, una commovente storia d’amore che, confidiamo, possa dare una nuova misura della parola felicità”.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 14 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail