Intervista a Luciano Ponzi e i consigli per smascherare i tradimenti

Luciano Ponzi e l'intervista sul tradimento e le investigazioni in esclusiva per Vita di Coppia


Come smascherare un tradimento? Come agisce un investigatore privato? Quanto costa un’indagine? Cerchiamo di rispondere a queste domande e a vederci chiaro sul tradimento con Luciano Ponzi, il direttore generale del Gruppo Ponzi Investigazioni, lo 007 italiano che ha accettato di rispondere alle nostre curiosità sui tradimenti, i traditori e i traditi!

Il tradimento è una mancanza di rispetto che tra due persone che si amano, salvo diversi accordi, non dovrebbe esistere. Molto spesso il tradimento, che sia perdonato oppure no, compromette il rapporto in modo irrecuperabile e spesso ne determina la fine. Ogni persona reagisce in modo diverso al tradimento, c'è chi indaga, chi vuole sapere tutto e chi si gira dall'altra parte, c'è chi vuole vendetta e chi vuole farla pagare al partner soprattutto in termini economici.

Quali sono le tecniche per scoprire un tradimento?
Ho letto in internet (e mi è venuto da sorridere) che esiste un vademecum sia per il tradito sia per il fedifrago, dieci regole alle quali attenersi per pescare in fallo il partner o viceversa per non farsi scoprire. Probabilmente esistono anche dei blog in tal senso, ritengo che tutto sia utile, internet ha rivoluzionato la nostra vita quotidiana e anche la nostra professione è stata "baciata" dalla tecnologia, ma è opportuno dissuadere i vari aspiranti investigatori fai da te dall'utilizzare apparecchiature facilmente reperibili in internet presso spyshop sparsi per l'intero globo, sarebbero passibili di denuncia penale ancor prima dell'avvento della fatidica legge sulla privacy. Ritengo che l'utente medio debba fermarsi ad una sorta di consultazione in internet, come per esempio il vostro blog, ma senza divenire in prima persona un aspirante detective, si possono effettuare delle pre analisi per verificare se il partner ci tradisce, ma ritengo (almeno per quel che riguarda la donna) che la conoscenza del partner, il cambio di abitudini e di comportamento, una buona dose di intuito e di sesto senso diano già al 90% la diagnosi, la cura deve essere effettuata con un serio professionista.

Intervista a Luciano Ponzi

Ci sono dei “passi falsi” ricorrenti nelle storie su cui indagate?
Un volta il nostro committente diceva di aver trovato un oggetto appartenente all'amante sul veicolo del partner, oggi è sempre più frequente sentire il cliente parlarci di profilo Facebook dove ha rintracciato una conversazione ambigua che lascia aperte varie ipotesi, fra queste il tradimento...

Chi sono i clienti tipo che si rivolgono alla sua agenzia per smascherare il partner traditore?
Privati cittadini di ambo i sessi che devono far valere o anche solamente valutare di difendere un proprio diritto in sede giudiziaria, le prove devono assolutamente seguire un percorso giuridico, non è possibile come prima del 2005 (vds. avvento del codice deontologico) investigare su chiunque, ma è necessario seguire attentamente il codice deontologico della privacy.

Qual è la percentuale di uomini e donne?
Diciamo che piuttosto che di uomini e donne si parla di percentuale, che pende dalla parte finanziariamente più debole. Mi spiego, si rivolgono a noi i partner o ex partner per rivedere l'assegno di alimenti e/o mantenimento oppure per addebitare la separazione al coniuge fedifrago quando questa è palesemente la causa di separazione, altrimenti la giurisprudenza è orientata a derubricare il tradimento a malessere dell'odierna società e quindi è già capitato che, pur dimostrando il tradimento, il giudice non abbia poi imputato la colpa e cioè l'addebito al traditore. Ciò non toglie che con le nostre prove il committente possa richiedere i danni cagionati da un tale comportamento.

Intervista a Luciano Ponzi

Quanto dura un’indagine per tradimento coniugale?
In media una decina di giorni, ma a seconda dei casi, se molto complicati, può durare anche un mese. Il periodo di controllo non deve per forza essere continuativo, ma a seconda delle abitudini del soggetto indagato, possono anche essere giornate frammentate.

Esiste un identikit del traditore?
L’identikit del traditore non è unico ma ne esistono almeno tre tipologie. I seriali, ovvero i traditori compulsivi, gli infedeli specializzati che geneticamente non si accontentano del rapporto di coppia.. I seriali si dividono in collezionisti e qualunquisti, i primi vogliono un trofeo da esibire, i secondi vogliono solo portare a casa il risultato. I paralleli sono i traditori che vogliono tenere il piede in due scarpe, questi si dividono in monogamici (un’amante storica) e i poligamici. E per finire ci sono gli occasionali, che sono le persone che tradiscono per vendetta. Per quanto riguarda i “traditi” anche questi si possono dividere in due categorie: i passivi che subiscono e accettano tutto, fanno le vittime ma non lo sono poi tanto, e poi i dominanti puniti, i partner prepotenti e insopportabili che, all'improvviso, vengono "puniti" con il tradimento.

Esiste, secondo lei, il tradimento perfetto che non si potrà mai smascherare?
Beh, la cronaca ci riporta casi nei quali il traditore è riuscito a portare avanti due famiglie in Stati differenti, ma con l'avvento dei social network è diventato sicuramente molto più difficile non lasciare tracce...

Quanto costa, mediamente, accertare un tradimento attraverso un indagine privata?
I casi sono molto differenti uno dall'altro così può essere che una indagine possa costare 800,00 euro come possa arrivare a cifre di qualche migliaio di euro, a seconda delle caratteristiche dei soggetti, del committente, dell'indagato e delle prove di cui si necessitano.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 10 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO