Pro e contro di essere l’amante di un uomo fidanzato

Ecco qualche riflessione sui pro e i contro dell'essere l’amante di un uomo fidanzato o sposato


Essere l’amante di un uomo fidanzato

ha i suoi pro ma anche parecchi contro e, purtroppo, lo status di amante per quanto sia divertente ed eccitante all’inizio dopo un po’ stanca, è inevitabile. Essere l’amante di un ragazzo vuol dire non essere la sua fidanzata “ufficiale”, quindi non poter uscire liberamente se non in una città lontana dove non vi conosce nessuno, vuol dire che sabato e domenica sono off limits e che lo sono anche le feste comandate.

Essere l’amante vuol dire scendere a compromessi, ne più e ne meno. Fare l’amante non è da tutti e non si può fare con tutti, ci sono ragazzi di cui non ci importa nulla ma che ci piacciono e che quindi vanno bene per una storia leggera e senza futuro, in attesa di trovare qualcuno che ci faccia battere il cuore. Essere amanti dell’uomo di cui siamo innamorate invece è impensabile ma è anche la situazione più comune, ed è quella che si dovrebbe sempre evitare, subire lo scacco matto è inevitabile.

Essere amanti vuol dire anche essere consapevoli, quindi “scoprire” di essere l’amante e non la fidanzata non rientra tra i compromessi accettabili, in questo caso è bene mollare tutto e guardarsi intorno. Non va bene neanche essere l’amante in attesa di… che lui lasci la moglie, che lui capisca, che lui smetta quello o quell’altro. L’amante nel 99% dei casi resta l’amante, nel bene e nel male.

Ma dopo tutti questi contro, quali sono i pro dello status di amante? Vivrete solo il lato “bello” della relazione, quindi niente calzini e mutande la lavare, niente suocere e niente doveri, non sarete obbligate ad uscire quando non vi va, ne ad essere sempre perfette quando siete stanche.

Foto | da Flickr di raggle

  • shares
  • Mail