Incontri virtuali. Poi, se funzionano...

NOwedding.jpeg

Milioni di persone hanno trovato l'anima gemella attraverso incontri avvenuti on line, malgrado molti si ostino ancora a dire che Internet serve solo per isolare le persone, per non farle più partecipare alla vita sociale. Jeana H. Frost, insieme a Michael I. Norton (assistente presso la Harvard Business School) e Dan Ariely stanno studiano questo fenomeno, di cui hanno parlato nella ricerca  "Improving Online Dating with Virtual Dates". Frost e Norton stanno in particolare osservando le implicazioni sociali di questa ricerca di partners on line, cercando di capire se c'è un modo per migliorare lo stile della comunicazione. Per prima cosa infatti, i ricercatori si sono accorti che i siti di queste agenzie matrimoniali on line sembrano solamente una variante di siti per lo shopping in rete. La soluzione che hanno escogitato è quella degli appuntamenti virtuali. Parlando con gli utilizzatori di questi siti, si sono infatti resi conto che il primo appuntamento era in genere una delusione per gli utenti delle chat on line: se avessero saputo con chi dovevano uscire, hanno detto i cuori solitari del web, avrebbero rinunciato in partenza. Del resto, stare davanti ad un computer a scegliersi l'anima gemella porta il soggetto a ruminarci sopra, a sognare, a perdere il contatto con la realtà. A volte capita che le persone dichiarino di voler incontrare un certo tipo di persona, ma poi le cose non stanno realmente così. 

Il sistema degli incontri virtuali è questo: il primo appuntamento avviene on line ed è completamente virtuale, come dice la parola stessa.  Un progetto della
MIT Media Lab dal suo Sociable Media Group potrebbe essere la soluzione. Questo simpatico strumento permette una interazione in tempo reale e serve alle persone per conversare, gesticolare, prendersi in giro  e così via. Virtual Dates riesce ad esempio a simulare una coppia che va in un museo ed i loro comportamenti. Se si ama l'arte  e lui sbadiglia, meglio evitare di prenderci anche solo un caffè.

Fonte :
Moneycontrol

Dott.ssa Giuliana Proietti Ancona

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: