Gestione del denaro: le non coniugate sono più autonome

Dati ISTAT sulla gestione del denaro nella coppia

Econ_4886585_16430La maggioranza delle donne che vivono in coppia ritiene di avere lo stesso potere decisionale del partner in molte delle decisioni che riguardano la vita quotidiana, ossia chi frequentare (86,6%), cosa fare nel tempo libero (85,2%), dove andare in vacanza (83,5%) e come educare i figli (83,1%). Emerge una maggiore autonomia da parte delle donne che vivono in coppia nelle decisioni che riguardano la spesa quotidiana (54,9%), le spese per l’abbigliamento (46%) e le spese per la casa (41,2%). Viceversa, sulle decisioni che interessano la gestione dei risparmi è maggiore l’autonomia decisionale degli uomini: il 22,2% delle donne ritiene che l’uomo ha più potere decisionale, contro il 16,4% delle donne che dichiara di averne più del proprio partner. Le donne del Sud, specialmente se hanno meno di 45 anni, dimostrano una maggiore autonomia rispetto a quelle delle altre ripartizioni geografiche in relazione alle spese per la casa (50,2%), alla gestione dei risparmi (19%) e all’educazione dei figli (17,2%).
La quota di donne che ritengono di avere lo stesso potere decisionale del partner su alcuni aspetti della vita familiare è maggiore tra le donne in coppia non coniugate che tra le coniugate. Tale differenza è più marcata per le spese per l’abbigliamento (62,8%, contro 50,6% delle coniugate), la spesa quotidiana (46,3%, contro 38,1%), la gestione dei risparmi (68,8%, contro 61,1%).
Al contrario, su altri aspetti, come ad esempio l’educazione dei figli, le donne non coniugate hanno un minor peso decisionale delle coniugate (76,7%, contro 83,3%).
La quota di donne in coppia che dichiara di possedere uno o più conti correnti personali è pari al
18,8% e diminuisce al crescere dell’età, toccando il minimo tra le donne con più di 64 anni (11,6%).
Circa la metà (48,8%) delle donne in coppia che possiede un conto corrente ha un conto cointestato. Tra le coppie non coniugate, la percentuale di donne che hanno almeno un conto corrente personale è pari al 50,3%, contro il 17,5% delle donne coniugate che, comunque, presentano una struttura per età più anziana. Anche a parità di età, le donne in coppia non coniugate hanno, in percentuale maggiore delle donne coniugate, almeno un conto corrente personale.
Inoltre tra le coppie residenti nel Nord e nel Centro del Paese è molto più elevata la percentuale di
coloro che possiedono almeno un conto corrente (l’88,4% nel Nord-ovest, l’86,4% nel Nord-est e il 79,9% nel Centro), rispetto alla quota di coppie che risiedono nel Sud e nelle Isole (rispettivamente il 56,4% e il 56,7%).

Fonte: ISTAT

Commento: Davvero superfluo, le notizie ISTAT parlano da sole su 'chi porta i pantaloni in casa'...

Tags:  

Dott.ssa Giuliana Proietti Ancona

  • shares
  • Mail