Gli abusi sessuali sugli animali

Abusi sessuali sugli animali

32953_wallpaper280_2 Se in Olanda il famoso partito pro-pedofilia si batte anche per la legalizzazione del sesso con gli animali, evidentemente, sono in molti ad avere questa orrenda passione. E ne troviamo conferma su The Veterinary Journal (vol 172, p 195), dove Helen Munro, della Royal School of Veterinary Studies di Edimburgo, sostiene che non tutti i veterinari denunciano ciò che sanno sugli abusi sessuali compiuti sugli animali. La Munro riporta il caso di un uomo che ha utilizzato una bottiglia per penetrare cinque vitelle, causando loro orribili ferite vaginali e anali. Ora il colpevole si sta sottoponendo a prove testologiche per comprendere se ha problemi mentali ed in che modo può essere punito secondo la legge.(p 374).La Munro sostiene che, benché non vi sia evidenza comportamentale di questi abusi nei comportamenti degli animali, sicuramente essi ne escono seriamente danneggiati nel loro equilibrio psico-fisiologico. D'altra parte, coloro che compiono queste violenze sugli animali sono persone che non avrebbero scrupoli a compiere gli stessi abusi sui bambini; e su questo i veterinari dovrebbero riflettere, dice la Munro, anche a costo di violare la privacy dei loro clienti. Il problema, a questo punto però è un altro: se i veterinari denunceranno gli abusi, i loro clienti uccideranno gli animali seviziati, per non chiamare i veterinari?

Fonte: NewScientist

Dott.ssa Giuliana Proietti Ancona

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: