I malati di mente commettono meno crimini delle persone 'normali'

I normali commettono più crimini dei malati di mente

Abc_3 Arriva da Londra una notizia che farà drizzare i capelli a tutti quelli che ce l'hanno con la legge Basaglia e con tutti i malati di mente, che 'inquinano' le nostre città con la loro follia e con i loro presunti crimini. Sentite questa:

Alcuni esperti britannici hanno studiato per 13 anni alcuni dati che riguardano la Svezia, dove si registrano i dati relativi alla salute mentale delle persone e quelli dei crimini. 
Lo studio, effettuato da ricercatori della Facoltà di psichiatria della Offord University e dal Sweden's Karolinska Institute, ha preso in esame i dati che vanno dal 1988 al 2000: è risultato così che poco più del 5% (1/20) di tutti i crimini violenti in quel periodo sono stati commessi da persone con una grave malattia mentale, come la schizofrenia o la depressione maniacale. Studiando gli omicidi commessi specificamente su donne fra i 25 ed i 39 anni, si è visto che solo il 14% di essi erano stati commessi da persone con una seria malattia psichiatrica. I ricercatori ammettono che la scoperta più strabiliante del loro studio è che ben 19 persone su venti di quelle che commettono un crimine violento sono 'normali', nel senso che non hanno gravi malattie mentali. Un portavoce del Sainsbury Centre for Mental Health ha detto: "Le persone con serie malattie mentali non sono violente. Chi soffre di schizofrenia ha maggiori possibilità di essere vittime della violenza di altri soggetti".
"Questo studio mostra chiaramente che le persone che hanno una seria malattia mentale commettono solo una minima parte dei crimini violenti e che tutti i pregiudizi sulla schizofrenia, largamente diffusi, sono sbagliati e ingiusti. E' ora di finire questo dibattito sulla salute mentale e la violenza e cominciare a guardare come superare il pregiudizio e la conseguente discriminazione che impedisce alle persone con gravi disturbi mentali di avere una vita normale nella nostra società".

Fonte: BBC NEWS

Dott.ssa Giuliana Proietti Ancona

Tags:  
  • shares
  • Mail