A Napoli c'è ancora la solidarietà di vicinato...

Il buono, il cattivo, la città di Napoli

Ladro_1Questa notizia c'entra poco con la Vita di Coppia, ma c'entra con il discorso sui buoni ed i cattivi che stiamo portando avanti questo mese. Può accadere infatti, anzi, è accaduto, che i 'buoni' vengano percepiti come 'cattivi' ed i 'cattivi' come 'buoni', solo perché i 'cattivi' appartengono alla propria gente ed alla propria città (il che li rende degni di solidarietà ed aiuto sociale), mentre il 'buono' viene da fuori, è straniero, e dunque automaticamente diventa un 'cattivo'.
Ci lamentiamo sempre del fatto che non c'è più quel bel senso di solidarietà di una volta fra le persone: ormai non ci si conosce più, non si scambiano che poche parole con i vicini di casa e, andando in giro per la strada, se si nota che qualcuno è in difficoltà, si fa quasi finta di non vedere.
Non così a Napoli, dove per 'solidarietà' i passanti hanno difeso il ladro che aveva rubato una telecamera ad un turista americano, il quale, gridando in cerca d'aiuto, non pensava certo che la solidarietà della folla sarebbe andata non a lui, ma alla persona che lo aveva appena derubato...Ed ecco la relativa notizia Ansa, con le scuse della città:

Il consiglio comunale di Napoli offre le scuse della citta' al turista Usa scippato e aggredito dalla folla che ha difeso i malviventi. Il presidente Impegno lo invita 'a tornare presto per mangiare una pizza assieme e per accompagnarlo a fare una passeggiata in uno dei tanti posti che rendono bellissima Napoli'. Il sindaco Iervolino parla di 'un malinteso senso di solidarieta' di vicinato' e chiede scusa al giovane americano spiegandogli che 'per fortuna Napoli non e' tutta cosi''.

Ed infatti, viene da pensare, è solo per fortuna che Napoli non sia tutta così, non certo perché gli amministratori locali (e non) si rendono conto che i napoletani sono talmente esasperati dalla situazione esplosiva che hanno in casa, tanto da avere addirittura difficoltà nel distinguere il bene dal male.

Dott.ssa Giuliana Proietti Ancona

  • shares
  • Mail