Violenza domestica durante la gravidanza

Violenza domestica e morte del bambino

Normal_sleepingbaby8x6_1Se una donna subisce violenza domestica (leggi: da parte del marito) durante la gravidanza, il bambino corre il rischio di morire durante i primi stadi dell'infanzia, secondo uno studio condotto in India  dai ricercatori della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health. Il rischio della morte del bambino è più che doppio durante il periodo perinatale (28 settimane di gravidanza fino a sette giorni dopo la nascita) e neonatale (primo mese di vita.  Lo studio è pubblicato nel numero di Agosto dell'American Journal of Public Health.

"Lo studio ha sscoperto che almeno una su cinque morti nel periodo perinatale o neonatale potrebbe essere prevenuta attraverso l'eliminazione della violenza domestica" ha dichiarato Saifuddin Ahmed, MBBS, psicologo, assistente nel Department of Population and Family Health Sciences alla Bloomberg School of Public Health.

Lo studio ha riguardato 5.553 coppie sposate e i riusltati di 2.199 gravidanze.

I risultati dicono che quasi il 18% delle donne partecipanti allo studio hanno subito abusi fisici da parte del marito durante l'ultima gravidanza. (Dato che negli USA è stimato fra il 4 l'8%).

Non sembra tuttavia che vi sia correlazione fra morte del bambino in epoche successive a quelle indicate e abusi subiti dalla madre. La spiegazione della morte dei piccoli può essere ricercata nella mancata cura di sé della donna, nello stress, nella non corretta alimentazione della donna.

Fonte: "Effects of Domestic Violence on Perinatal and Early-Childhood Mortality: Evidence from North India" was written by Saifuddin Ahmed, MBBS, PhD, Michael A. Koenig, PhD and Rob Stephenson, PhD. Stephenson is with the Rollins School of Public Health, Emory University.

Via:
Eurekalert
Visita anche : www.jhsph.edu/publichealthnews

Dott.ssa Giuliana Proietti- Ancona

Tags:  

  • shares
  • Mail